Concerto Freedom of Movement presso Bunker

CreativAfrica presenta FREEDOM OF MOVEMENT

 

Dalle ore 19 afro-street-food e bevande calde tipiche del west Africa.
Panino di Nambé : baguette farcita con salsa di fagioli neri, cipolla, pomodoro
Fataya: fagottino con ripieno di carne e verdure + salsa piccante
Falafel: polpettine di ceci con salsa jogurt
Cono di patatine fritte e paltano con salsa alla senape
Bevande calde: Caffè Touba, ataya, vin brulé allo zenzero

Se un visionario romagnolo e un musicista gambiano si incontrano dopo aver studiato e conosciuto l’Africa l’uno, e attraversato il Sahara, la Libia e il Mediterraneo l’altro, non può che nascere un progetto che ha tanto da raccontare. Dopo il grandissimo successo del concerto di Baba Sissoko dello scorso ottobre è in arrivo un nuovo appuntamento per Road to creativAfrica 2020, la rassegna che accompagna gli amanti della world music (e non solo) alla prossima edizione del festival CreativAfrica, prevista per giugno.

CONCERTO FREEDOM OF MOVEMENT: JABEL KANUTEH E MARCO ZANOTTI

Siamo oggi orgogliosi di presentarvi un inedito duo composto da un caro amico del festival, Marco Zanotti (batteria, percussioni) e il griot gambiano Jabel Kanuteh (kora, voce). Due anime musicali si incontrano e si corrispondono con due strumenti apparentemente così distanti: la kora e la batteria. Jabel Kanuteh è griot di famiglia e tradizione, viene da Tambasansang con tante storie da raccontare, tra cui la sua di migrante dal Gambia all’Italia, attraverso il Sahara, la Libia e il Mediterraneo. Marco Zanotti è un visionario percussionista romagnolo già direttore della Classica Orchestra Afrobeat e di Cucoma Combo, traduttore della biografia di Fela Kuti, instancabile viaggiatore e ideatore di progetti artistici di grande spessore. Insieme i due musicisti dialogano in maniera spontanea e imprevedibile, nella forma più essenziale e dinamica del duo.

Per l’occasione presenteranno il loro primo album dal titolo emblematico: Freedom of Movement. Il disco, uscito il 12 marzo 2020, rappresenta il desiderio, la necessità e il diritto che ognuno di noi ha di potersi muovere liberamente, sia sul proprio strumento nella musica che di fronte ad una frontiera o a un confine. “Una musica libera e liberatoria, organica e vitale”

CONCERTO FREEDOM OF MOVEMENT: DETTAGLI E INFORMAZIONI

Bunker

via Nicolò Paganini 0/200

Torino

Prevendite su eventbrite fino al 15 ottobre 2020

 

Dal 16 ottobre biglietteria @bunker dalle ore 19